img_jammer

Furti d’auto: come difendersi dal “jammer”

10 aprile 2018

sicurezza

Condividi: Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter

Cos’è il jammer

Innanzi tutto, a che cosa ci riferiamo quando usiamo il termine “jammer”?
Questo nome, che dovrebbe già far tremare i possessori di auto con chiusura centralizzata, altro non è che uno degli strumenti ultimamente più utilizzati dai ladri. Infatti, con l’aiuto di questo strumento elettronico, le organizzazioni criminali sono in grado di mettere in atto tecniche di offesa sempre più all’avanguardia, adattandosi alle più recenti innovazioni in fatto di sicurezza.
Nato come apparecchio per scopi militari, impiegato anche per impedire l’innesco a distanza di ordigni esplosivi, ad esempio tramite cellulari, la sua facile reperibilità lo ha tuttavia reso ben presto uno degli strumenti tecnologici più utilizzati per scopi illeciti.

 

Come agisce sugli antifurto satellitari

Il jammer funziona come disturbatore di frequenze GSM, radio e GPS, lanciando un impulso costante che inibisce la maggior parte dei sistemi di comunicazione: nel suo raggio di azione, che può variare in relazione a diversi fattori, quali ad esempio la potenza o il luogo di utilizzo, i telefoni cellulari e i sistemi radio e GPS non sono più in grado di funzionare normalmente. Questo comporta anche un’inibizione del sistema di apertura e chiusura delle portiere, che permette ai malintenzionati di agire indisturbati senza dover forzare la serratura.
Isolando il collegamento e interrompendo qualsiasi comunicazione con la centrale di sicurezza, questa non è più in grado di ricevere il segnale d’allarme e i ladri sono quindi liberi di agire indisturbati. In aggiunta a questo c’è poi da considerare che un’auto che viene sottratta tramite questo strumento non può poi essere rintracciata, poichè il jammer ne impedisce la localizzazione, isolandola da tutti i segnali radio.

 

Come difendersi?

Posto che comunque nessun antifurto, sia esso elettronico o meccanico, è in grado di contrastare al 100% le intenzioni di un malintenzionato ben motivato, quando si parla di sicurezza, spesso la strategia più semplice è anche quella più efficace. Possono bastare piccoli gesti di attenzione in più per scongiurare un furto: ad esempio, parcheggiare in luoghi sorvegliati e sicuri, oppure, una volta scesi dalla macchina, assicurarsi manualmente che gli sportelli siano chiusi davvero, non accontentandosi del click della sicura o del segnale sonoro. In aggiunta a questo, dotare la propria auto di un antifurto meccanico Bullock® può rivelarsi utile come deterrenza al furto, rendendo il vostro veicolo subito meno appetibile per un ladro.

Scegli il modello Bullock® che si adatta meglio alla tua auto, consulta la nostra guida all’acquisto!

Condividi:

Condividi: Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter

Commenti: