filtro dell'aria auto

Filtro dell’aria: a cosa serve e come sostituirlo

6 luglio 2017

Consigli utili

Condividi: Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter

Il filtro dell’aria è un elemento fondamentale per il corretto funzionamento del motore. Grazie alla sua presenza, l’aria viene pulita da polvere ed insetti prima di arrivare al motore. Di fatto, perché si realizzi la combustione, è necessario che l’aria si misceli al combustibile. Le particelle inquinanti dell’aria, come le polveri, possono provocare fenomeni di attrito tra gli elementi del motore finendo, a lungo andare, per usurarlo.

La sua funzione

Il filtro dell’aria è essenzialmente una cartuccia contenuta all’interno di una scatola di plastica situata sopra il motore. Il filtro è realizzato con tessuti e fibre speciali che trattengono polvere, smog e altre particelle inquinanti appena percettibili dall’occhio umano. In questo modo, l’aria che arriva al motore è pulita.

Dopo aver raggiunto il tubo di ingresso, l’aria si miscela con il carburante che si dirige nella camera di combustione, dove le candele di accensione generano la scintilla. Quando questa miscela viene bruciata, si crea una pressione che provoca la rotazione dell’albero a gomito che, a sua volta, trasmette questa forza alle ruote e fornisce l’impulso al movimento dell’auto.

Se un filtro dell’aria funziona male, il motore non “respira” e inquina di più. Se un filtro dell’aria è vecchio, l’auto consuma più carburante facendo salire i costi di gestione. Cambiando il filtro, l’auto consuma meno e dura di più.

LEGGI ANCHE: Auto volante come un drone? Eccola, si chiama Pop.Up ed è italiana!

Come sostituire il filtro dell’aria

La rimozione del filtro dell’aria e la sua sostituzione è un’operazione semplice che non richiede una grande competenza, né attrezzi specifici. La sostituzione o la pulizia va fatta a intervalli regolari, ogni 20.000 km circa, per mantenere le prestazioni del veicolo al meglio.

  1. Acquistate il filtro dell’aria presso un rivenditore di ricambi auto o nell’officina della vostra concessionaria di fiducia. Portate con voi il libretto di circolazione e quello uso e manutenzione dell’auto, in modo da non sbagliare acquisto.
  2. Aprite il cofano e mettetelo in posizione di sicurezza con l’apposita asticella per il bloccaggio.
  3. Indossate un paio di guanti in gomma e cercate la scatola di plastica che lo contiene. Normalmente si trova sopra il motore, in una zona ben visibile.
  4. Rimuovete le viti che bloccano il coperchio ed estraete il filtro vecchio.
  5. Pulite la zona dalle impurità con un panno appena inumidito. Collocate il nuovo filtro esattamente nella stessa posizione in cui si trovava quello precedente.
  6. Avvitate il coperchio e richiudete il cofano dell’auto.

LEGGI ANCHE: Auto non parte: cosa fare se rimani in panne

Cosa c’è da sapere

Esistono più tipi di filtro abitacolo.

  • Il filtro classico è realizzato con diversi strati di fibre. E’ efficace grazie allo strato centrale di microfibre caricate elettrostaticamente e funziona come una calamita, attirando a sé le particelle respirabili e le filtra.
  • Il filtro più moderno è ai carboni attivi, molto più efficace del primo. E’ un materiale naturale fatto soprattutto di gusci di noci di cocco, carbonizzati e frantumati in piccole camere dove non c’è aria.

SCOPRI QUI TUTTA LA LINEA DEGLI ANTIFURTI BULLOCK.

 

filtro dell'aria sporco

Condividi:

Condividi: Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter

Commenti: