bullock_cambio

Cambio automatico: dinamicità e sicurezza

10 ottobre 2018

Consigli utili

Condividi: Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter

I puristi della guida forse storceranno il naso dinanzi a questo articolo, sta di fatto che il cambio automatico è un sistema di trasmissione sempre più utilizzato (e amato dagli automobilisti).

Le tipologie di cambio automatico sono diverse (a doppia frizione, a convertitore di coppia, cvt e robotizzato) e la scelta varia a seconda dello stile di guida e alle esigenze di ogni automobilista. Ormai è consuetudine trovare questo sistema su numerosi modelli di auto ibride, un trend evidenziato dalle novità automobilistiche presentate al Salone di Parigi. Peugeot ha presentato per la 3008 le inedite motorizzazioni plug-in hybrid da 225 e 300 CV. Toyota, insieme ad Honda e Subaru, da tempo ha puntato, non solo per le ibride sul citato sistema di trasmissione.

 

Un’idea tutta italiana

Il primo brevetto venne presentato e registrato nel 1931 a nome di Emilio Trenta di Città della Pieve ma la sua diffusione avviene negli Stati Uniti durante gli anni 50.  Il cambio automatico idraulico fu introdotto da General Motors, Chrysler e Borg-Warner (produttore di cambi per Ford) nei primi anni cinquanta. I primi modelli avevano due rapporti e non erano in grado di trasmettere molta coppia, poi nel giro di pochi anni furono prodotti modelli a tre rapporti.

Negli anni ottanta si è registrato un salto tecnologico con l’introduzione della quinta marcia, che ha migliorato il rendimento energetico dei cambi idraulici nei lunghi viaggi. Se fino a poco tempo fa la diffusione del cambio automatico in Europa è stata debole, negli ultimi decenni la crescita, grazie a miglioramenti in termini di prestazioni e consumo, è stata notevole anche nel vecchio continente.

 

I vantaggi del cambio automatico

Pensiamo alla nostra quotidianità? Semafori, stop, incroci, rotatorie e il continuo gioco di piede tra freno e frizione. Col cambio automatico questo meccanismo scompare, e naturalmente per chi ha sempre guidato veicoli con cambio manuale inizialmente sarà disorientante ricordarsi di non usare mai il piede sinistro.

I benefici nel scegliere un’auto con cambio automatico sono tangibili soprattutto quando si è un pò più in là con l’età quando riflessi e mobilità diminuiscono. Inoltre se in passato il cambio automatico poteva risultare un’opzione più dispendiosa in termini di consumi oggi le cose sono decisamente cambiate. Complessivamente il cambio manuale resta ancora il più efficiente e quindi il più economico; i veicoli automatici di oggi, però, sono dotati di più marce (da sei a otto) e la tecnologia dei convertitori di coppia è stata perfezionata per impedire gli scivolamenti. Ciò  ha reso il consumo di benzina più economico nei modelli automatici più recenti rispetto a quelli del passato.

Dobbiamo considerare che il minor o maggior consumo di carburante dipende anche dall’esperienza dell’automobilista, a tal proposito un’auto con cambio automatico potrebbe risultare un’opzione vantaggiosa per i neopatentati che devono prendere confidenza con la guida. Sia pensando alle manovre da effettuare ma soprattutto alla sicurezza, il cambio automatico è un valido alleato oltre che uno strumento in grado di garantire un elevato comfort di guida.
Provate il blocca pedale Excellence per cambio automatico

Condividi:

Condividi: Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter

Commenti: